Traduzione: nuovi post dal Tumblr di Cassie!

Shadowhunters, vi abbiamo tradotto un paio di nuovi post dal Tumblr della nostra Cassandra – alcuni sono più interessanti, altri meno, ma speriamo che vi piaceranno. :)

 

L’unica domanda effettivamente spoiler è l’ultima, che si riferisce a Bitter of Tongue (è debitamente segnalata, state tranquilli!) – le altre sono semplicemente su TMI e TID. <3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« “Ciao, Cassie! Sono una grande fan dei tuoi romanzi. Ho solo una domanda veloce. Ci sarà un matrimonio Jessa (o un qualsiasi matrimonio) in Lady Midnight (o in uno dei tuoi prossimi romanzi)?

Ci saranno sicuramente dei matrimoni. Sentirete parlare di almeno uno prossimo e rilevante matrimonio, in Lady Midnight, e, certo, ci sono dei matrimoni in The Last Hours. Per una persona che era confusa dall’organizzazione del suo stesso matrimonio (cosa sono i “fiocchi sul retro delle sedie”?), ne scriverò davvero un sacco! Indizio: sentirete dire in LM che almeno una delle coppie principali di TMI sta per sposarsi. »

 

 

 

 

 

« “Ciao, Cassie! I tuoi libri mi piacciono davvero, e sto aspettando che escano The Copper Gauntlet e Lady Midnight. Ho delle domande riguardo TDA. Puoi dirci il secondo nome di qualcuno (eccetto Emma e Mark, ovvio :D)?E dirci qualcosa di Mark, qualcosa che ancora non sapevamo, per favore. Con speranza, una tua grande fan. <3

*Si gratta la testa* Intendi il secondo nome? Potrei prendere due piccioni con una fava e dirti che il secondo nome di Mark è, anche se magari non è una sorpresa, Antony.

Il padre e lo zio di Mark e Julian erano ossessionati dalla letteratura classica. Tutti i primi nomi dei Blackthorn fanno riferimento alla storia latina o a quella greca. »

 

 

 

 

 

« “Ciao, Cassie, io e una mia amica siamo innamorate dei tuoi romanzi e non vediamo l’ora che esca il telefilm! Abbiamo solo una domanda. Ci stavamo ponendo delle domande su Jonathan Shadowhunter, tipo: è morto? O è semplicemente svanito, o forse è lo stesso Angelo Raziel? Dal momento che è stato il primo a creare gli Shadowhunters? Grazie!

La morte di Jonathan Shadowhunter non è nel Codice, in verità. La sua storia in pratica finire con la fondazione degli Shadowhunters e il suo passare il resto dei suoi giorni a reclutare nuovi Shadowhunters e costruire il sistema. Ciò che gli è successo è una domanda aperta, una storia non ancora raccontata. Sappiamo che David e Abigail hanno fondato, rispettivamente, i Fratelli Silenti e le Sorelle di Ferro, ma in effetti non sappiamo neanche cos’è successo loro – anche se, un giorno, lo scopriremo. »

 

 

 

 

 

« SPOILER DA BITTER OF TONGUE

Ho appena finito di leggere Bitter of Tongue, e non capisco perché Simon non abbia detto agli altri Blackthorn cos’è successo con Mark. Capisco perché non abbia detto a Mark dell’esilio di Helen, dal momento che l’avrebbe ferito da morire, e la cosa di cui necessita di più è la speranza. Ma Helen e Julian non dovrebbero saperlo, che loro fratello desidera tornare a casa e li ama ancora?

Salve!

Beh, stiamo nella testa di Simon per tutta la storia, e in verità abbiamo attraversato il processo di questa decisione insieme a lui. Ma visto che le persone, quando fanno una scelta, la prendono dentro di loro, e non pensando a se stessi dall’esterno (nel senso, Simon prende questa decisione istintivamente, non ragionandoci da una prospettiva narrativa), aggiungerò solo:

Simon ha osservato i Blackthorn. Conosce Helen, ha parlato con Mark (due volte, ora) e ha incontrato i Blackthorn bambini al matrimonio. Ha visto con quanto sta avendo a che fare Julian, quanto peso è posto ora sulle sue spalle, e quanto tutti i bambini Blackthorn soffrano l’uno per l’altro e diano priorità al benessere degli altri. (Livvy che è disposta a uccidere per Ty, ecc.)

Può vedere quanto sono generosi i Blackthorn quando si tratta di un altro di loro, e l’amore che provano per la famiglia. “Tuo fratello ti ama e desidera tornare a casa” riguarda i sentimenti di Julian, non il benessere di Mark, quindi dirlo a Julian significherebbe presumere che Julian sia una persona abbastanza egoista, a cui importa di come si senta suo fratello riguardo lui, senza però provare interesse per ciò che sto fratello sta effettivamente facendo.

Simon si è reso conto che Mark è infelice, tormentato, sta perdendo la memoria, si sente solo, abbandonato, tradito e minacciato fisicamente. Dire a Julian una qualsiasi di queste cose gli avrebbe causato un dolore incredibile, e né lui né uno qualsiasi degli altri Blackthorn avrebbe potuto fare qualcosa a riguardo. Sarebbe stato come dire a qualcuno che ti sta domandando se un suo familiare morto ha sofferto: “Beh, sì, ma ti ha pensato tantissimo durante quei suoi ultimi secondi di agonia!”

A conti fatti, Simon ha preso una scelta complicata per ragioni complicate, in una situazione senza una singola buona scelta. Ha detto a Helen un’unica cosa su Mark perché Helen non si trova, a differenza di Julian e degli altri, nella posizione di poter far seguire all’affermazione di Simon delle domande come: “Che sta facendo? Sta bene?”

Domande che hanno solo risposte terribili.

Helen poi conosce le fate e la loro terra meglio degli altri bambini, e sa cosa non domandare.

Simon ha ovviamente a sua volta una relazione complicata con la sua famiglia e con la verità e con ciò che succede quando dici alle persone qualcosa che potrebbe essere vero, ma che loro non vogliono sapere. Il background e le esperienze di vita di Simon incidono in ogni decisione che prende, e lo stesso vale per tutti noi. Quella di Simon potrebbe non essere la scelta che avreste preso voi in quelle circostanze, e va bene. Le storie non parlano di persone che prendono sempre decisioni buone e perfette, quanto piuttosto del risultato di decisioni complesse prese per ragioni difficili e complicate. Non so neppure se quella di Simon sia la decisione che avrei preso io. Ma so che è la scelta che avrebbe preso Simon. »

Traduzione: nuovo snippet da Bitter of Tongue!

Per festeggiare l’uscita di Bitter of Tongue, settimo racconto di Tales from the Shadowhunter Academy, Cassie ci ha regalato uno snippet della storia. :)
L’estratto vede coinvolti Simon e… Mark Blackthorn.

 

E niente, io vi consiglio di preparare i fazzoletti.

 

 

 

 

 

 

“Dimmi solo se Aline sta dando una mano coi più piccoli,” chiese Mark, il tono che si faceva via via più affilato. “Helen non può fare tutto da sola, e Julian non sarà in grado di aiutarla!” La sua voce tornò dolce. “Julian,” disse. “Jules. Il mio artista, il mio sognatore. Sollevalo verso la luce e risplenderà di una dozzina di colori diversi. Tutto ciò che gli interessa sono la sua arte e la sua Emma. Cercherà di aiutare Helen, ovviamente, ma è ancora così giovane. Sono così giovani e facili da perdere. So cosa sto dicendo, Shadowhunter. Nella terra sotto la collina sappiamo come cacciare quelli teneri e di buon cuore. E costoro non invecchieranno mai, con noi. Non avranno mai la possibilità di farlo.”
“Oh, Mark Blackthorn, che ti hanno fatto?” sussurrò Simon.
Non riuscì a nascondere la pietà nella sua voce, e si rese conto che aveva colpito Mark: il lento rossore che gli era salito sulle guance magre, e il modo in cui aveva sollevato il mento, tenendo il capo alto.
Gli rispose: “Nulla che io non possa sopportare.”
Simon rimase in silenzio. Non ricordava tutto, ma ricordava quanto fosse cambiato. La persone sono in grado di sopportare molte cose, ma Simon non era certo di sapere quanto restasse di te dopo che il mondo ti aveva piegato in una forma completamente diversa.

Torrance Coombs leggerà l’audiolibro di Bitter of Tongue!

Shadowhunters innamorati degli audiolibri (in inglese), gioite: il settimo racconto di Tales From The Shadowhunter Academy, Bitter of Tongue, verrà letto da Torrance Coombs, famoso per il ruolo di Bash in Reign. :)

Siamo certe che farà un ottimo lavoro!

 

 

11326600_1657328301177094_1754969362_n

 

 

Cassie a riguardo ha detto: « NON È UNA NOTIZIA SUL CASTING DEL TELEFILM. Siete pronti per qualche notizia simpatica sull’audiolibro? Torrance Coombs, ovvero Bash di Reign, LEGGERÀ Bitter of Tongue, il prossimo audiolibro di #TalesFromTheShadowhunterAcademy #BeiRagazziCastaniLeggonoPerVoi – Bitter of Tongue esce [in formato digitale e in inglese] OGGI! »

Rivelate le cover americane di Bitter of Tongue e The Fiery Trial!

Entertainment Weekly ha rivelato in esclusiva le copertine originali dei prossimi due racconti di Tales from the Shadowhunter Academy, “Bitter of Tongue” e “The Fiery Trial”. :)

Le trovate qui di seguito, insieme alla trama delle storie.

 

 

 

 

 

« Anche se Shadowhunters, l’adattamento televisivo della ABC Family basato sui romanzi di The Mortal Instruments, serie scritta da Cassandra Clare, uscirà solo nel 2016, EW vi mostra due nuove copertine della serie digitale Tales from the Shadowhunter Academy. Bitter of Tongue, in uscita il 18 agosto, è un racconto scritto da Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan; The Fiery Trial, in uscita il 15 settembre, è invece una collaborazione di Cassandra Clare e Maureen Johnson.

Date un’occhiata alla descrizione ufficiale degli ebook e alle loro copertine:

Bitter of Tongue, Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan (18 agosto):

 

Quando una missione dell’Accademia va a rotoli, Simon viene rapito dalle fate (perché lo rapiscono sempre?). Deve sfuggire loro con l’aiuto del suo unico alleato, l’ex Shadowhunter e personaggio di The Dark Artifices Mark Blackthorn.

 

BitterOfTongue

 

The Fiery Trial, Cassandra Clare e Maureen Johnson (15 settembre):

 

Simon e Clary assistono alla cerimonia per diventare parabatai di Emma Carstairs e Julian Blackthorn… e discutono dei progetti che hanno per diventare a loro volta parabatai in questo precursore di The Dark Artifices.

 

»

Nuovo snippet da Tales from the Shadowhunter Academy!

Shadowhunters, Cassie ci ha regalato un nuovo snippet da uno dei racconti de Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters, Bitter of Tongue. <3

Tecnicamente la traduzione l’ho terminata alle 00:33, ma ho pensato di programmare il post perché si caricasse adesso. XD

E niente, speriamo che l’estratto vi piaccia – secondo noi è molto, molto bello!

 

 

 

 

 

 

 

« Alcuni hanno chiesto uno snippet per celebrare #lovewins [NdT: “L’amore vince”].
Ho pensato che un estratto del matrimonio di Helen e Aline in Bitter of Tongue sarebbe stato appropriato! »

 

Simon non comprendeva totalmente le tradizioni degli Shadowhunters.
Nella Legge si parlava un sacco di chi potevi o no sposare: se sposavi un mondano che non era Asceso, ti toglievano i Marchi e venivi cacciato. Potevi sposare un Nascosto tramite una cerimonia mondana o Nascosta; in quel caso nessuno ti avrebbe mandato via, ma tutti sarebbero stati imbarazzati, alcuni si sarebbero comportati come se il tuo matrimonio non contasse e tua prozia Nerinda, Nephilim tremendamente tradizionalista, avrebbe cominciato a riferirsi a te come alla vergogna della famiglia. Inoltre, visto come funzionava la Pace Fredda, ogni Shadowhunters interessato a sposare una fata non avrebbe avuto troppa fortuna.
Ma Helen Blackthorn era una Shadowhunters secondo la loro Legge, non importava quanto la gente potesse disprezzarla o considerarla indegna di fiducia per via del suo sangue fatato. E gli Shadowhunters non avevano stabilito nella loro preziosa Legge di non poter sposare qualcuno dello stesso sesso. Probabilmente perché al tempo nessuno aveva pensato che fosse un’opzione anche solo possibile.
Quindi Helen e Aline potevano sposarsi con una cerimonia totalmente Shadowhunters, davanti agli occhi di entrambe le loro famiglie e del loro mondo. Anche se subito dopo le avessero esiliate di nuovo, questo era loro concesso.
Durante un matrimonio Shadowhunters, era stato detto a Simon, bisognava vestirsi d’oro e disegnare la runa matrimoniale l’uno sul cuore dell’altro. C’era una tradizione simile alla consegna della sposa, per entrambi i futuri coniugi. Sia la sposa che lo sposo dovevano scegliere il famigliare a cui teneva di più – a volte il padre, altre la madre o il proprio parabatai o un fratello o un amico prescelto, o anche un figlio o un anziano che simboleggiasse tutta la famiglia – e il prescelto, o congiunto, consegnava la sposa o lo sposo al suo amato, e gli dava il benvenuto in famiglia.
A volte farlo non era possibile, però, perché tutta la tua famiglia e i tuoi amici magari erano stati mangiati da un demone a forma di demone. Con gli Shadohwunters non potevi mai dire. Ma Simon pensava che fosse bello che Jia Penhallow, Console e membro più importante del Conclave, fosse il congiunto che stava consegnando sua figlia Aline agli infetti, scandalosi Blackthorn, e prendendo Helen in seno alla sua famiglia.
Aline era stata molto coraggiosa a chiederlo. Jia era stata molto coraggiosa ad accettare. Ma Simon pensò che a conti fatti il Conclave aveva già esiliato la sua figlia: che altro poteva farle? E come sputargli negli occhi più educatamente che dicendo: questa ragazza che avete scacciato adesso è pari alla figlia del Console?
Julian era quello pronto a consegnare Helen. Stava lì con addosso i suoi abiti decorati d’oro e tenendo la sorella a braccetto, e i suoi occhi simili al mare sotto la luce del sole brillavano come se fosse felice quanto un qualsiasi altro bambino. Come se non avesse altro pensiero al mondo, anche se Simon sapeva che non era così.
Sia Helen che Aline indossavano abiti d’oro, un oro che brillava come luce delle stelle tra i capelli neri di Aline. Erano entrambe così felici che i loro visi superavano in luminosità i vestiti. Stavano in mezzo alla cerimonia, soli gemelli, e per un attimo tutto il mondo sembrò ruotare intorno a loro.
Helen e Aline si disegnarono le rune matrimoniali sul cuore con mano ferma. Quando Aline avvicinò alla propria la testa brillante di Helen per baciarla, in tutta la sala risuonò un applauso.
“Grazie per averci lasciate venire,” sussurrò Helen dopo la fine della cerimonia, abbracciando sua suocera.
Jia strinse la nuora tra le braccia e disse, con un tono di voce considerevolmente più rumoroso di un bisbiglio: “Mi spiace di dovervi mandare di nuovo via.”
Simon non disse a Julian Blackthorn di aver incontrato Mark, così come non aveva detto a lui che Helen non era a casa a badare ai Blackthorn bambini. Gli sembrava un’orribile crudeltà posare un altro peso su delle spalle che erano già cariche fin quasi a scoppiare. Gli pareva più giusto mentire, cosa che le fate non potevano fare.
Ma quando si avvicinò a Helen e Aline per fare loro le congratulazioni, si fermò e diede un bacio sulla guancia a Helen, così da poterle sussurrare: “Tuo fratello Mark ti manda il suo amore, e la sua gioia per il tuo amore.”
Helen lo fissò, gli occhi improvvisamente pieni di lacrime, ma il suo sorriso era persino più radioso di prima.